Download
Rassegna Stampa
7 novembre 2014 CesenaToday.pdf
Documento Adobe Acrobat 318.6 KB

la madia travelfood pag.91
la madia travelfood pag.91
la madia travelfood pag.90
la madia travelfood pag.90

(recensione)

IL TARTUFO SCORZONE E I SUOI SEGRETI

 

Il tartufo Scorzone è stato il grande protagonista della cena che si è tenuta giovedì 11 luglio 2013 presso l’Agriturismo “Il Mulino d’Ortano”, a Linaro di Mercato Saraceno, organizzata dall’Associazione Terraetartufo, il Consorzio che si occupa di promuovere il tartufo e i prodotti dell’Appennino Romagnolo.

Questa associazione, che opera nelle valli del Savio e del Borello, ha lo scopo di contribuire allo sviluppo economico, sociale e culturale dei prodotti e dei servizi delle aziende presenti sul territorio.

A testimonianza di questo impegno, la presenza a tavola di Oscar Graziani (Sindaco di Mercato Saraceno), Lorenzo Spignoli (Sindaco di Bagno di Romagna) e di Enrico Cangini (Assessore del Comune di Sarsina) i quali, insieme al Presidente dell’Associazione, Michele Manucci, e alla proprietaria dell’Agristurismo, Ombretta Farneti, hanno sottolineato l’enorme importanza che ricopre la valorizzazione dei prodotti genuini e dei tanti servizi offerti da parte delle aziende locali anche dal punto di vista economico territoriale.

Le immagini ed i video offerti dall’Associazione “Mondo Tartufo” Alessandro Mondello (ndr) hanno proiettato tutti in questo magico mondo, dove l’amore per la natura e la passione la fanno da padroni; la ricerca, l’esperienza, il giusto feeling con il proprio cane, sono elementi fondamentali per conquistare l’ambito e meritato premio.

Ma è in tavola che il tartufo dà il meglio di sé: la cucina del “Mulino d’Ortano” ne ha esaltato le qualità con ricette tradizionali e proponendo abbinamenti inediti, alla scoperta di nuovi e fantastici sapori.

La missione dell’Associazione Terraetartufo è una scommessa vinta già in partenza e, manifestazioni come la cena di giovedì, lo confermano.

L’Associazione invita tutti al prossimo appuntamento, in data ancora da decidere, ma sempre sotto il segno del tartufo, della buona cucina e della valorizzazione di un bene inestimabile: il nostro territorio.